7 regole d’oro per dimagrire velocemente

Un po’ di pancetta, il colorito spento dell’incarnato, capelli e unghie più fragili, stanchezza cronica. La soluzione? Correre ai ripari, e cercare di sovvertire i risultati di cattive abitudini adottate durante i mesi più freddi per dimagrire velocemente. E’ il momento della svolta che, per portare ai risultati desiderati senza traumi e senza danni, deve procedere su più fronti, quotidianamente. In primo luogo, occorre cambiare il proprio stile di vita, acquisendo delle buone abitudini giorno dopo giorno, con costanza e impegno.

 

  1. CORREGGI L’ALIMENTAZIONE CON SCELTE SANE ED EQUILIBRATE

Gli ultimi decenni hanno portato notevoli cambiamenti negli stili di vita, sempre più sedentari, e nei cibi consumati, più calorici e trattati. Questo ha comportato forti cambiamenti anche nel nostro Paese, con tassi di obesità che negli ultimi 20 anni hanno subito un forte aumento: secondo l’ISTAT, nel 2015, la quota di persone in eccesso di peso tocca il 44,6% tra le persone di 18 anni (fonte: Istat, 2015).

“Più attività fisica, e più ore passate all’aperto sono due regole fondamentali da seguire ogni giorno. Per far questo, però, dobbiamo essere pronti sia psicologicamente sia fisicamente. Non si tratta solo di allenamento, che certo è importante, ma anche di fornire al nostro organismo tutto quello che serve non solo in termini di macronutrienti (proteine, lipidi e carboidrati), ma anche di micronutrienti (vitamine e minerali)” suggerisce la prof.ssa Alessandra Bordoni, docente di Scienza dell’Alimentazione e Nutrizione Umana presso l’Università di Bologna.

 

  1. IDRATATI!

Dichiara la prof.ssa Bordoni: “Tra i minerali, potassio e magnesio sono fondamentali per supportare tante funzioni del nostro organismo, tra cui quella muscolare. Potassio e magnesio possono divenire deficitari perché il nostro fabbisogno è maggiore in relazione alle perdite aumentate. Queste perdite sono particolarmente legate alla sudorazione, e quindi l’arrivo della stagione più calda e l’aumento dell’attività fisica rendono necessaria una maggiore introduzione. Questo serve anche a evitare fenomeni fastidiosi quali i crampi muscolari, a volte legati proprio alla mancanza di potassio e magnesio”.

 

  1. SE VUOI SEGUIRE UNA DIETA IPOCALORICA, FAI ATTENZIONE ALLE CARENZE DI MICRONUTRIENTI

Importante è anche il calcio, di cui spesso la dieta è carente. “Uno scarso apporto di calcio è a volte legato ad una dieta ipocalorica: gli alimenti maggiore fonte di calcio sono il latte ed i suoi derivati quali i formaggi, ma questi ultimi sono alimenti ad alta densità energetica, per cui spesso vengono significativamente ridotti, se non eliminati totalmente, nelle diete ipocaloriche”, prosegue la prof.ssa Bordoni. “Questo comporta anche una minore introduzione di calcio, che riduce il beneficio per le nostre ossa dell’attività fisica e dell’esposizione al sole. Infatti il movimento e i raggi ultravioletti (che permettono la sintesi di vitamina D a livello della nostra cute), favorirebbero la mineralizzazione dell’osso, rendendolo più robusto e allontanando il rischio dell’osteoporosi, ma se il calcio scarseggia questi benefici vengono purtroppo in gran parte persi”.

 

  1. SI ALLE ATTIVITA’ ALL’ARIA APERTA

“Durante la primavera e l’estate, il maggior irraggiamento solare e le ore trascorse all’aria aperta permettono un incremento della produzione da parte del nostro organismo di vitamina D. Però facciamo attenzione: l’uso di schermi solari, peraltro fondamentali per difendere la nostra pelle, così come l’inquinamento, riducono la sintesi di questa vitamina. La quantità che noi produciamo potrebbe non essere sufficiente, e quindi è bene considerare anche un apporto dietetico, che comunque appare indispensabile nei mesi più freddi” consiglia la prof.ssa Bordoni.

 

  1. FAI SPORT, MA CON INTELLIGENZA

Nel 2015 sono state 19 milioni e 600 mila (il 33,3% della popolazione) le persone dai 3 anni in su che hanno dichiarato di praticare uno o più sport nel tempo libero, soprattutto uomini e soprattutto al nord Italia (fonte: Istat). In particolare agli sportivi amatoriali, incoraggiati dalla bella stagione a incrementare la propria attività fisica quotidiana, la prof.ssa Bordoni ricorda l’importanza del manganese: “Per la salute delle nostre ossa teniamo sotto controllo anche l’apporto di manganese, che è fondamentale anche per un normale trofismo dei tessuti connettivi, e quindi delle articolazioni, che a volte vengono messe sotto sforzo durante la bella stagione, quando tutti ci sentiamo un po’ più ‘atleti’”.

 

  1. FERRO E ZINCO SONO AMICI DEL BENESSERE

Sempre tra i minerali, il ferro e lo zinco. “La dieta è spesso carente in ferro, in particolare nelle donne in età fertile, perché la perdita legata alle mestruazioni rende più difficile raggiungere l’assunzione raccomandata. Ma anche l’uomo non è al riparo dalla carenza, perché il ferro, in particolare quello contenuto negli alimenti vegetali, è poco assorbibile. Uno dei sintomi di carenza di ferro è l’anemia, e la conseguente stanchezza. Infine, non dimentichiamo lo zinco, minerale essenziale per il trofismo della cute, dei capelli e delle unghie, che risentiranno negativamente di una carente introduzione di questo minerale”, aggiunge la prof.ssa Bordoni. 

  1. FAI INCETTA DI VITAMINE!

Le vitamine sono fondamentali per supportare il nostro organismo, perché senza di esse le funzioni del nostro metabolismo non si svolgono in maniera ottimale ed è difficile dimagrire velocemente. Consiglia la prof.ssa Bordoni: “Importante è che siano presenti tutte e nella giusta misura. Alcune di esse, quali la vitamina C, hanno una doppia funzione: quella vitaminica e quella antiossidante. Ad esempio, la vitamina C partecipa alla sintesi del collagene, proteina dei tessuti connettivi quali quelli articolari e che forma l’impalcatura di sostegno della nostra cute, ma aiuta anche a proteggerci dallo stress ossidativo. Fenomeni di ossidazione avvengono normalmente nel nostro organismo come conseguenza del metabolismo: nulla di preoccupante, quindi, anche perché noi possediamo delle difese, gli antiossidanti, che servono proprio ad evitare i danni che potrebbero essere conseguenza dell’ossidazione. Però ci sono momenti in cui i fenomeni ossidativi aumentano: in questi casi è necessario che aumentino anche le difese, oppure si potrà andare incontro ad uno stress ossidativo. L’esposizione al sole e l’attività fisica sono due situazioni di aumento di fenomeni ossidativi, quindi è bene pareggiare la situazione aumentando l’introduzione di antiossidanti quali la vitamina C. Anche zinco e selenio aiutano le nostre difese antiossidanti”.

 

In definitiva, quindi, è fondamentale adeguare la nostra alimentazione a un nuovo e più corretto stile di vita quotidiano, così da coprire tutti i fabbisogni di vitamine e di minerali di cui il nostro corpo necessita ogni giorno. “Certo – aggiunge la prof.ssa Bordonibisogna fare molta attenzione, perché spesso questa carenza di micronutrienti si associa a una necessità di perdere peso, e quindi di ridurre la quantità di alimenti introdotti per dimagrire velocemente. E, soprattutto, di modificare la scelta degli alimenti introdotti spostandoci da quelli ad alto contenuto energetico verso quelli ad alta densità nutrizionale. Per questo motivo le diete ipocaloriche comprendono molti alimenti vegetali”.

 

Ma attenzione a quanto raccomanda la prof.ssa Bordoni: i vegetali sono carenti in particolare di una vitamina, la vitamina B12. “Se si decide di seguire un’alimentazione vegana, per esempio, una regola alimentare che esclude non solo la carne ma anche tutti gli altri alimenti di origine animale (latte, uova, etc), l’utilizzo di un integratore di vitamina B12 è imprescindibile! E anche durante una dieta ipocalorica, per ridurre la sensazione di fame, ricordiamo che è fondamentale l’assunzione di fibra che, rallentando lo svuotamento dello stomaco, ci farà sentire sazi più a lungo”.

 

Con un pizzico di buona volontà e il giusto apporto di nutrienti, quindi, saremo pronti ad affrontare la sfida dell’estate. “Quali alimenti nella dieta? Tutti, purché nella giusta misura! Un solo “must have”: l’acqua, perché il rischio di disidratazione è sempre alto, ma in estate di più”.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>