Hai la pelle sensibile e reattiva? Ecco perché

La pelle secca, sensibile e reattiva è una realtà molto diffusa che riguarda uomini e donne. Stando alle ricerche, è un fenomeno sempre in aumento. I cambiamenti climatici, il buco nell’ozono, l’inquinamento ambientale e gli stili di vita frenetici (non particolarmente salubri) hanno probabilmente inciso sull’aumento di fastidiosi disagi alla pelle sensibile.

Secondo una ricerca condotta da HRW e GSK per conto di Physiogel®, effettuata su un campione di un migliaio di donne italiane, intervistate in relazione alla pelle del viso e del corpo, emerge che il 40% ha un pelle grassa o mista; il 34% normale; il 33% sensibile/molto sensibile o reattiva; il 18% mista ma più secca; il 17% molto secca; 10% denuncia arrossamenti; e il 4% soffre di prurito molto fastidioso.

L’esposizione ai raggi UV, l’eccesso di acqua calda, i saponi e i detersivi, gli alcali e i solventi, l’utilizzo eccessivo di guanti o spugne abrasive, un’alimentazione carente di vitamine e l’insufficiente apporto di liquidi, ma anche alcuni trattamenti così come alcune patologie o l’assunzione di alcuni farmaci, possono portare a vari stadi di disidratazione.

Cosa si intende per pelle secca, sensibile e reattiva?

 

Nelle pelli sensibili, secche e a tendenza atopica (ovvero predisposte a manifestare reazioni allergiche), la funzione barriera dello strato corneo è alterata e l’epidermide è più vulnerabile alle aggressioni esterne. La pelle secca è fragile e iper-reattiva.

Le manifestazioni classiche, la perdita di morbidezza, il prurito, la desquamazione e la pelle che tira hanno fra le cause più note l’ereditarietà, ma anche le aggressioni esterne dovute per esempio ad allergeni, agenti climatici esterni (freddo, vento, radiazioni solari), inquinamento atmosferico, condizioni lavorative (vapori tossici o contatto con agenti tossici), uso di cosmetici e detergenti aggressivi, età, abitudine al fumo, assunzione di alcool, alimentazione inadeguata e stress… e, non ultimo, alle reazioni psicosomatiche.

 

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>