7 regole per scegliere il materasso

Proprietà anallergiche, antibatteriche, antimicotiche e antiacaro. Queste sono le principali richieste per un materasso adatto a chi ha la pelle sensibile. Scegliere il materasso giusto, infatti, richiede attenzione ai dettagli e ai materiali, dalla composizione interna alla fodera esterna. In questa ottica sostegno, traspirazione, temperatura e igiene sono le caratteristiche più importanti per un letto da sogno.

Alcune tra le riviste scientifiche, tra cui la prestigiosa Science, hanno recentemente pubblicato studi sul comfort e sulla struttura ideale del materasso. Dal grado di rigidità medio, alla giusta traspirazione fino alle regole per la manutenzione quotidiana.

 

Quali sono gli accorgimenti da adottare per il materasso e la pelle sensibile?

Se hai la pelle sensibile, fai attenzione a scegliere la fodera giusta: in commercio ci sono filati innovativi e di altissima qualità che hanno contemporaneamente proprietà anallergiche, antibatteriche, antimicotiche e antiacaro. Il merito è di uno speciale additivo (testato per le allergie) che è in grado di prevenire la formazione di microbi e funghi, rimanendo attivo fino a 200 lavaggi a 60°.

Preferisci poi una struttura a cellula aperta basata su oli naturali, ottenuta grazie alla tecnica di schiumaggio a cellulazione aperta. Le molecole scoppiano e si creano degli alveoli che permettono la dispersione dell’umidità e del calore in eccesso evitando l’effetto “cellophan”. Questo permette al materasso di respirare, di disperdere calore, di evitare la sudorazione, con il fine di ottenere migliori condizioni igieniche e un riposo adeguato. Questa struttura, infine, favorisce la circolazione sanguigna minimizzando i punti di pressione.

 

7 regole per l’igiene del materasso

  1. Areare quotidianamente il materasso lasciandolo scoperto con la finestra aperta almeno per dieci minuti un quarto d’ora.
  2. Ruotare il materasso per migliorare l’assestamento delle imbottiture ogni stagione.
  3. Vietato usare il vapore per pulire il materasso.
  4. Usa invece l’aspirapolvere a bassa frequenza.
  5. Indicativamente il materasso va cambiato ogni sette-dieci anni.
  6. Osservare le indicazioni di manutenzione che sono indicate per legge sul materasso.
  7. Cambiare il coprimaterasso almeno due/tre volte al mese.


No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>